martedì 28 maggio 2013

Studi sui gemelli monozigoti dimostrano che l'omosessualità non è genetica

Studi sui gemelli monozigoti dimostrano che l'omosessualità non è genetica

28/05/2013

Dr. Neil Whitehead

Otto grandi studi condotti sui gemelli monozigoti in Australia, negli Stati Uniti, e in Scandinavia negli ultimi due decenni, giungono tutti alla stessa conclusione: i gay non sono nati in quel modo.

"Nella migliore delle ipotesi la genetica è un fattore secondario," dice il Dott. Neil Whitehead, PhD. Whitehead ha lavorato per il governo della Nuova Zelanda come ricercatore scientifico per 24 anni, poi ha trascorso quattro anni a lavorare per le Nazioni Unite e per International Atomic Energy Agency. Più di recente, è stato nominato consulente presso le università giapponesi che si stanno occupando degli effetti dell'esposizione alle radiazioni. Il suo dottorato di ricerca è in biochimica e statistiche.

I gemelli monozigoti hanno gli stessi geni o DNA. Sono nutriti in condizioni prenatali allo stesso modo. Se l'omosessualità è causata da fattori genetici o condizioni prenatali e uno di loro è gay, allora anche il co-gemello dovrebbe anche essere gay.

"Perché hanno il DNA identico,quindi dovrebbero essere identici al 100%," il Dott. Whitehead osserva. Ma gli studi rivelano qualcos'altro.
"Se un gemello monozigote ha attrazione per lo stesso sesso, la possibilità che questa tendenza riguardi solo lui e non anche il suo co-gemello ha una percentuale dell' 11% per gli uomini e del 14% per le donne."

Poiché i gemelli monozigoti sono sempre geneticamente identici, l'omosessualità non può essere dettata dunque geneticamente. "Nessuno nasce gay", osserva. "Le cause predominanti che creano l'omosessualità in un gemello monozigote senza che si manifestino anche nell'altro co-gemello devono essere fattori post-nascita."

Il Dott. Whitehead crede che l'attrazione per lo stesso sesso (SSA) è causata da "fattori non condivisi," cioè cose che accadono ad un gemello, ma non all'altro, o una risposta personale ad un evento accaduto ad uno dei due gemelli e non il contrario.

Ad esempio, un gemello potrebbe essere stato esposto a materiale pornografico o di abusi sessuali. Un gemello potrebbe interpretare e rispondere alla propria famiglia o ambiente scolastico in modo diverso rispetto agli altri. "Queste risposte individuali e idiosincratiche di eventi casuali e comuni predominano i fattori ambientali", dice.

Il primo grande studio attendibile sui gemelli monozigoti è stato condotto in Australia nel 1991, seguito da un altro studio statunitense intorno al 1997 a cui si accodarono anche l'Australia e gli Stati Uniti nel 2000, insieme alla Scandinavia.

"Sono stati cresti dei registri dove vengono catalogati tutti gli studi sui gemelli che col tempo si sono ampliati, ed ad oggi vengono usati anche in molti altri paesi. Esiste infatti un registro per gemelli europeo gigantesco con una catalogazione di almeno 600.000 membri, ma uno dei più grandi in uso si trova in Australia, con più di 25.000 gemelli catalogati. "

Nel 2002 Bearman e Brueckner hanno studiato decine di migliaia di studenti adolescenti negli Stati Uniti, rilevando che l'attrazione omosessuale concordata tra due gemelli monozigoti, è stata solo del 7,7% per i maschi e 5,3% per le femmine, inferiore al 11% e il 14% nello studio australiano di Bailey et al condotto nel 2000.

Negli studi sui gemelli monozigoti, il Dott. Whitehead è stato colpito da come l'identità sessuale può essere  mutevole .

"Sondaggi accademici neutrali dimostrano che vi è un cambiamento sostanziale. Circa la metà della popolazione omosessuale / bisessuale (in un contesto non terapeutico) si sposta verso l'eterosessualità nel corso della vita. Circa il 3% della popolazione attuale eterosessuale una volta si credeva fermamente omosessuale o bisessuale. "

"L'orientamento sessuale non è cementato", osserva.

Ancora più notevole, la maggior parte dei cambiamenti si verificano senza consulenze o terapie. "Questi cambiamenti non sono terapeuticamente indotti, ma accadono 'naturalmente' in vita, alcuni molto rapidamente", osserva il dottor Whitehead. "La maggior parte dei cambiamenti di orientamento sessuale sono esclusivamente verso l'eterosessualità."

Il numero di persone che hanno cambiato verso l'eterosessualità  sono maggiori del numero attuale di bisessuali e omosessuali combinati. In altre parole, gli ex-gay sono più numerosi dei gay attuali.

La fluidità è ancora più marcata tra gli adolescenti, come dimostrato dallo studio Bearman e Brueckner. Hanno dimostrato che dai 16 ai 17 anni, se una persona ha avuto una romantica attrazione per lo stesso sesso, quasi tutti avevano cambiato un anno più tardi."

"Gli autori sono stati pro-gay e hanno commentato che l'unica stabilità è stata tra gli eterosessuali, che hanno soggiornato insieme anno dopo anno. Gli adolescenti sono un caso speciale che generalmente cambiando le loro attrazioni di anno in anno ".

Eppure, molte idee sbagliate persistono nella cultura popolare. Vale a dire, che l'omosessualità è genetica - in modo hard-wired nella propria identità che non può essere modificata. "Gli accademici che lavorano nel campo non sono felici per le raffigurazioni da parte dei media sul tema," il Dott. Whitehead osserva. "Ma loro preferiscono attaccare con la loro ricerca accademica e non farsi coinvolgere dal lato attivista".

Lo Staff

1 commento:

  1. Traduzione e/o stesura pessima. Argomentazione molto discordante nelle sue parti.

    RispondiElimina